una storia di Natale

2,090
Visite
2
risposte
Ultimo messaggio fatto 14 anni fa fa da Shelli
max1mike
  • Iniziato da
  • max1mike
  • United States Sr. Member 259
  • attività più recente 6 anni fa

I lettori di questo argomento di discussione hanno anche letto:

  • Jackpot Capital , Slotastic e Grande Vegas - Esclusivo torneo freeroll di febbraio da $ 400 Per i giocatori nuovi ed esistenti: USA OK! Disponibile solo su desktop! con Microsoft Edge Montepremi...

    LEGGI
  • Recensione del casinò Crypto Games Bonus di benvenuto: 100% fino a 10.000 USDT 2. Bonus sul deposito: 50% fino a 5000 USDT 3. Bonus sul deposito: 50% fino a 5000 USDT Data di scadenza: contatta il...

    LEGGI
  • Ciao, È di poche ore fa la notizia di un maxi sequestro di beni nei confronti di soggetti collegati alle società in oggetto. Non mi dilungo in dettagli che potrete trovare in molti siti che fanno...

    LEGGI

Per favore oppure registrazione per pubblicare o commentare.

  • Originale English Traduzione Italiano

    The old man sat in his gas station on a cold Christmas Eve. He hadn't been
    anywhere in years since his wife had passed away. It was just another day to
    him. He didn't hate Christmas, just couldn't find a reason to celebrate. He
    was sitting there looking at the snow that had been falling for the last
    hour and wondering what it was all about when the door opened and a homeless
    man stepped through.

    Instead of throwing the man out, Old George as he was known by his
    customers, told the man to come and sit by the heater and warm up. "Thank
    you, but I don't mean to intrude," said the stranger. "I see you're busy,
    I'll just go." "Not without something hot in your belly." George said.

    He turned and opened a wide mouth Thermos and handed it to the stranger. "It
    ain't much, but it's hot and tasty ... Stew ... made it myself. When you're
    done, there's coffee and it's fresh."

    Just at that moment he heard the "ding" of the driveway bell. "Excuse me, be
    right back," George said. There in the driveway was an old '53 Chevy. Steam
    was rolling out of the front. The driver was panicked. "Mister can you help
    me!" said the driver, with a deep Spanish accent. "My wife is with child and
    my car is broken."

    George opened the hood. It was bad. The block looked cracked from the cold,
    the car was dead. "You ain't going in this thing," George said as he turned
    away.

    "But Mister, please help ..." The door of the office closed behind George as
    he went inside. He went to the office wall and got the keys to his old
    truck, and went back outside. He walked around the building, opened the
    garage, started the truck and drove it around to where the couple was
    waiting. "Here, take my truck," he said. "She ain't the best thing you ever
    looked at, but she runs real good."

    George helped put the woman in the truck and watched as it sped off into the
    night. He turned and walked back inside the office. "Glad I gave 'em the
    truck, their tires were shot too. That 'ol truck has brand new." George
    thought he was talking to the stranger, but the man had gone. The Thermos
    was on the desk, empty, with a used coffee cup beside it. "Well, at least he
    got something in his belly," George thought.

    George went back outside to see if the old Chevy would start. It cranked
    slowly, but it started. He pulled it into the garage where the truck had
    been. He thought he would tinker with it for something to do. Christmas Eve
    meant no customers. He discovered the block hadn't cracked, it was just the
    bottom hose on the radiator. "Well, shoot, I can fix this," he said to
    himself.. So he put a new one on.

    "Those tires ain't gonna get 'em through the winter, either." He took the
    snow treads off of his wife's old Lincoln. They were like new and he wasn't
    going to drive the car anyway.

    As he was working, he heard shots being fired. He ran outside and beside a
    police car an officer lay on the cold ground. Bleeding from the left
    shoulder, the officer moaned, "Please help me."

    George helped the officer inside as he remembered the training he had
    received in the Army as a medic. He knew the wound needed attention.
    "Pressure to stop the bleeding," he thought. The uniform company had been
    there that morning and had left clean shop towels. He used those and duct
    tape to bind the wound. "Hey, they say duct tape can fix anythin'," he said,
    trying to make the policeman feel at ease.

    "Something for pain," George thought. All he had was the pills he used for
    his back. "These ought to work." He put some water in a cup and gave the
    policeman the pills. "You hang in there, I'm going to get you an ambulance."

    The phone was dead. "Maybe I can get one of your buddies on that there talk
    box out in your car." He went out only to find that a bullet had gone into
    the dashboard destroying the two way radio.

    He went back in to find the policeman sitting up. "Thanks," said the
    officer. "You could have left me there. The guy that shot me is still in the
    area."

    George sat down beside him, "I would never leave an injured man in the Army
    and I ain't gonna leave you." George pulled back the bandage to check for
    bleeding. "Looks worse than what it is. Bullet passed right through ya. Good
    thing it missed the important stuff, though. I think with time you're gonna
    be right as rain."

    George got up and poured a cup of coffee. "How do you take it?" he asked.
    "None for me," said the officer. "Oh, yer gonna drink this. Best in the
    city. Too bad I ain't got no donuts." The officer laughed and winced at the
    same time

    The front door of the office flew open. In burst a young man with a gun.
    "Give me all your cash! Do it now!" the young man yelled. His hand was
    shaking and George could tell that he had never done anything like this
    before.

    "That's the guy that shot me!" exclaimed the officer.

    "Son, why are you doing this?" asked George, "You need to put the cannon
    away. Somebody else might get hurt."

    The young man was confused. "Shut up old man, or I'll shoot you, too. Now
    give me the cash!"

    The cop was reaching for his gun. "Put that thing away," George said to the
    cop, "we got one too many in here now."

    He turned his attention to the young man. "Son, it's Christmas Eve.. If you
    need money, well then, here. It ain't much but it's all I got. Now put that
    pee shooter away."

    George pulled $150 out of his pocket and handed it to the young man,
    reaching for the barrel of the gun at the same time. The young man released
    his grip on the gun, fell to his knees and began to cry. "I'm not very good
    at this am I? All I wanted was to buy something for my wife and son," he
    went on. "I've lost my job, my rent is due, my car got repossessed last week"

    George handed the gun to the cop. Son, we all get in a bit of squeeze now
    and then. The road gets hard sometimes, but we make it through the best we
    can."

    He got the young man to his feet, and sat him down on a chair across from
    the cop. "Sometimes we do stupid things." George handed the young man a cup
    of coffee. "Bein' stupid is one of the things that makes us human. Comin' in
    here with a gun ain't the answer. Now sit there and get warm and we'll sort
    this thing out."

    The young man had stopped crying. He looked over to the cop. "Sorry I shot
    you. It just went off. I'm sorry officer."

    "Shut up and drink your coffee." the cop said.

    George could hear the sounds of sirens outside. A police car and an
    ambulance skidded to a halt. Two cops came through the door, guns drawn.
    "Chuck! You ok?" one of the cops asked the wounded officer.

    "Not bad for a guy who took a bullet. How did you find me?"

    "GPS locator in the car. Best thing since sliced bread. Who did this?" the
    other cop asked as he approached the young man.

    Chuck answered him, "I don't know. The guy ran off into the dark. Just
    dropped his gun and ran."

    George and the young man both looked puzzled at each other.

    "That guy work here?" the wounded cop continued. "Yep," George said, "just
    hired him this morning. Boy lost his job."

    The paramedics came in and loaded Chuck onto the stretcher. The young man
    leaned over the wounded cop and whispered, "Why?"

    Chuck just said, "Merry Christmas, boy ... and you too, George, and thanks
    for everything."

    "Well, looks like you got one doozy of a break there. That ought to solve
    some of your problems."

    George went into the back room and came out with a box. He pulled out a ring
    box. "Here you go, something for the little woman I don't think Martha would
    mind. She said it would come in handy some day."

    The young man looked inside to see the biggest diamond ring he ever saw. "I
    can't take this," said the young man, "It means something to you."

    "And now it means something to you," replied George. "I got my memories.
    That's all I need."

    George reached into the box again. An airplane, a car and a truck appeared
    next. They were toys that the oil company had left for him to sell. "Here's
    something for that little man of yours."

    The young man began to cry again as he handed back the $150 that the old man
    had handed him earlier.

    "And what are you supposed to buy Christmas dinner with? You keep that too,"
    George said, "Now get home to your family."

    The young man turned with tears streaming down his face. "I'll be here in
    the morning for work, if that job offer is still good."

    "Nope. I'm closed Christmas day," George said. "See ya the day after."

    George turned around to find that the stranger had returned. "Where'd you
    come from? I thought you left?"

    "I have been here. I have always been here," said the stranger. "You say you
    don't celebrate Christmas. Why?"

    "Well, after my wife passed away, I just couldn't see what all the bother
    was. Puttin' up a tree and all seemed a waste of a good pine tree. Bakin'
    cookies like I used to with Martha just wasn't the same by myself and
    besides I was gettin' a little chubby."

    The stranger put his hand on George's shoulder. "But you do celebrate the
    holiday, George. You gave me food and drink and warmed me when I was cold
    and hungry. The woman with child will bear a son and he will become a great
    doctor. The policeman you helped will go on to save 19 people from being
    killed by terrorists. The young man who tried to rob you will make you a
    rich man and not take any for himself. That is the spirit of the season and
    you keep it as good as any man."

    George was taken aback by all this stranger had said. "And how do you know
    all this?" asked the old man.

    "Trust me, George. I have the inside track on this sort of thing. And when
    your days are done you will be with Martha again."

    The stranger moved toward the door "If you will excuse me, George, I have to
    go now. I have to go home where there is a big celebration planned."

    George watched as the old leather jacket and the torn pants that the
    stranger was wearing turned into a white robe. A golden light began to fill
    the room.

    "You see, George ... it's My birthday. Merry Christmas."

    George fell to his knees and replied, "Happy Birthday, Lord."

    ~ author unknown

    Il vecchio sedeva nella sua stazione di servizio in una fredda vigilia di Natale. Non lo era stato
    ovunque negli anni successivi alla morte di sua moglie. Era solo un altro giorno per
    lui. Non odiava il Natale, semplicemente non riusciva a trovare un motivo per festeggiare. Lui
    era seduto lì a guardare la neve che cadeva da ultima
    un'ora e mi chiedevo di cosa si trattasse quando la porta si aprì e un senzatetto
    l'uomo passò oltre.

    Invece di buttare fuori l'uomo, il Vecchio George, come era conosciuto con i suoi
    i clienti, hanno detto all'uomo di venire a sedersi accanto alla stufa e di riscaldarsi. "Grazie
    te, ma non intendo intromettermi," disse lo sconosciuto. "Vedo che sei occupato,
    Vado e basta." "Non senza qualcosa di caldo nella pancia." disse George.

    Si voltò e aprì il thermos a bocca larga e lo porse allo sconosciuto. "Esso
    non è molto, ma è caldo e gustoso... Stufato... fatto da me. Quando tu sei
    fatto, c'è il caffè ed è fresco."

    Proprio in quel momento sentì il "tintinnio" del campanello del vialetto. "Scusate, siate
    torno subito," disse George. Là nel vialetto c'era una vecchia Chevy del '53. A vapore
    stava uscendo dalla parte anteriore. L'autista era nel panico. "Signore, può aiutarmi?
    me!" disse l'autista, con un profondo accento spagnolo. "Mia moglie è incinta e
    la mia macchina è rotta."

    George aprì il cofano. È stato brutto. Il blocco sembrava spaccato dal freddo,
    l'auto era morta. "Non entrerai in questa cosa," disse George girandosi
    lontano.

    "Ma signore, per favore aiutami..." La porta dell'ufficio si chiuse alle spalle di George
    entrò. Andò al muro dell'ufficio e prese le chiavi del suo vecchio
    camion, e tornò fuori. Fece il giro dell'edificio, aprì il
    garage, accese il camion e lo guidò fino al luogo in cui si trovava la coppia
    in attesa. "Ecco, prendi il mio camion," disse. "Lei non è la cosa migliore che tu abbia mai visto
    l'ho guardata, ma corre davvero bene."

    George aiutò a caricare la donna sul camion e la guardò sfrecciare verso il camion
    notte. Si voltò e tornò nell'ufficio. "Sono contento di avergli dato il
    camion, anche i loro pneumatici sono stati colpiti. Quel vecchio camion è nuovo di zecca." George
    pensava di parlare con lo sconosciuto, ma l'uomo se n'era andato. Il termos
    era sulla scrivania, vuota, con accanto una tazza di caffè usata. "Beh, almeno lui
    ha qualcosa nello stomaco," pensò George.

    George tornò fuori per vedere se la vecchia Chevy sarebbe partita. Ha iniziato a girare
    lentamente, ma è iniziato. Lo portò nel garage dove si trovava il camion
    stato. Pensò che avrebbe armeggiato con qualcosa da fare. vigilia di Natale
    significava niente clienti. Scoprì che il blocco non si era rotto, era solo il
    tubo inferiore del radiatore. "Bene, cavolo, posso sistemare il problema," disse
    se stesso.. Quindi ne ha indossato uno nuovo.

    "Quei pneumatici non riusciranno nemmeno a superare l'inverno." Ha preso il
    la neve cade dalla vecchia Lincoln di sua moglie. Erano come nuovi e lui no
    guiderò comunque la macchina.

    Mentre stava lavorando ha sentito degli spari. Corse fuori e accanto a
    macchina della polizia un agente giaceva sul terreno freddo. Sanguinamento da sinistra
    spalla, l'ufficiale gemette: "Per favore aiutami".

    George aiutò l'ufficiale a entrare mentre ricordava l'addestramento che aveva ricevuto
    ricevuto nell'esercito come medico. Sapeva che la ferita aveva bisogno di cure.
    "Pressione per fermare l'emorragia", pensò. La compagnia dell'uniforme c'era stata
    lì quella mattina e avevo lasciato gli asciugamani puliti del negozio. Ha usato quelli e il condotto
    nastro per fasciare la ferita. "Ehi, dicono che il nastro adesivo può aggiustare tutto", ha detto,
    cercando di mettere a proprio agio il poliziotto.

    "Qualcosa per il dolore", pensò George. Tutto quello che aveva erano le pillole che usava
    la sua schiena. "Questi dovrebbero funzionare." Mise dell'acqua in una tazza e la diede
    poliziotto le pillole. "Resta lì, ti prendo un'ambulanza."

    Il telefono era morto. "Forse posso convincere uno dei tuoi amici a parlarne
    scatola nella tua macchina." Uscì solo per scoprire che un proiettile era entrato
    il cruscotto che distrugge la radio ricetrasmittente.

    Tornò dentro e trovò il poliziotto seduto. "Grazie", disse il
    ufficiale. "Avresti potuto lasciarmi lì. Il ragazzo che mi ha sparato è ancora in...
    la zona."

    George si sedette accanto a lui: "Non lascerei mai un uomo ferito nell'esercito
    e non ti lascerò." George tirò indietro la benda per controllare
    sanguinamento. "Sembra peggio di quello che è. Il proiettile ti ha attraversato. Bene
    cosa, però, ha mancato le cose importanti. Penso che con il tempo lo farai
    essere giusto come la pioggia."

    George si alzò e si versò una tazza di caffè. "Come lo prendi?" chiese.
    "Nessuno per me", ha detto l'ufficiale. "Oh, berrai questo. Il migliore in assoluto
    città. Peccato che non ho ciambelle." L'ufficiale rise e fece una smorfia
    contemporaneamente

    La porta d'ingresso dell'ufficio si spalancò. Ha fatto irruzione un giovane armato di pistola.
    "Dammi tutti i tuoi soldi! Fallo adesso!" urlò il giovane. La sua mano era
    tremava e George poteva dire che non aveva mai fatto niente del genere
    Prima.

    "Quello è il ragazzo che mi ha sparato!" esclamò l'ufficiale.

    "Figliolo, perché stai facendo questo?" chiese a George: "Devi mettere il cannone
    lontano. Qualcun altro potrebbe farsi male."

    Il giovane era confuso. «Stai zitto, vecchio, o sparo anche a te. Adesso
    dammi i soldi!"

    Il poliziotto stava prendendo la pistola. "Metti via quella cosa," disse George al
    poliziotto, "ne abbiamo uno di troppo qui adesso."

    Rivolse la sua attenzione al giovane. "Figliolo, è la vigilia di Natale.. Se tu
    ho bisogno di soldi, allora ecco. Non è molto ma è tutto quello che ho. Adesso mettilo
    porta via lo spara-pipì."

    George tirò fuori dalla tasca 150 dollari e li porse al giovane,
    raggiungere contemporaneamente la canna della pistola. Il giovane è stato liberato
    impugnando la pistola, cadde in ginocchio e cominciò a piangere. "Non sono molto bravo
    a questo punto? Tutto quello che volevo era comprare qualcosa per mia moglie e mio figlio," ha
    continuò. "Ho perso il lavoro, devo pagare l'affitto, la settimana scorsa mi hanno ritirato l'auto"

    George ha consegnato la pistola al poliziotto. Figliolo, siamo tutti un po' stretti adesso
    poi. La strada a volte diventa dura, ma ce la facciamo nel miglior modo possibile
    Potere."

    Fece alzare in piedi il giovane e lo fece sedere su una sedia di fronte
    il poliziotto. "A volte facciamo cose stupide." George porse una tazza al giovane
    di caffè. "Essere stupidi è una delle cose che ci rende umani. Arrivo
    qui con una pistola non è la risposta. Adesso siediti lì e scaldati, poi ci metteremo d'accordo
    fuori questa cosa."

    Il giovane aveva smesso di piangere. Guardò il poliziotto. "Scusate ho sparato
    Voi. E' semplicemente scoppiato. Mi dispiace, agente."

    "Stai zitto e bevi il tuo caffè." disse il poliziotto.

    George poteva sentire il suono delle sirene all'esterno. Una macchina della polizia e un
    l'ambulanza si fermò. Due poliziotti sono entrati dalla porta, con le pistole spianate.
    "Chuck! Stai bene?" chiese uno dei poliziotti all'ufficiale ferito.

    "Non male per uno che si è preso una pallottola. Come mi hai trovato?"

    "Localizzatore GPS in macchina. La cosa migliore dopo il pane a fette. Chi ha fatto questo?" IL
    chiese l'altro poliziotto avvicinandosi al giovane.

    Chuck gli rispose: "Non lo so. Il ragazzo è scappato nel buio. Solo
    lasciò cadere la pistola e scappò."

    George e il giovane si guardarono perplessi.

    "Quel ragazzo lavora qui?" continuò il poliziotto ferito. "Sì," disse George, "semplicemente
    l'ho assunto stamattina. Il ragazzo ha perso il lavoro."

    I paramedici entrarono e caricarono Chuck sulla barella. Il giovane
    si chinò sul poliziotto ferito e sussurrò: "Perché?"

    Chuck disse semplicemente: "Buon Natale, ragazzo... e anche a te, George, e grazie
    per tutto."

    "Beh, sembra che tu abbia avuto una bella pausa. Questo dovrebbe risolvere
    alcuni dei tuoi problemi."

    George andò nella stanza sul retro e uscì con una scatola. Tirò fuori un anello
    scatola. "Ecco qua, qualcosa per la donnina, non credo che Martha lo farebbe
    mente. Ha detto che un giorno sarebbe tornato utile."

    Il giovane guardò dentro e vide il più grande anello di diamanti che avesse mai visto. "IO
    Non posso sopportarlo," disse il giovane, "Significa qualcosa per te."

    "E adesso significa qualcosa per te", rispose George. "Ho i miei ricordi.
    Questo è tutto ciò di cui ho bisogno."

    George infilò di nuovo la mano nella scatola. Apparvero un aereo, un'auto e un camion
    Prossimo. Erano giocattoli che la compagnia petrolifera gli aveva lasciato da vendere. "Ecco
    qualcosa per quel tuo ometto."

    Il giovane cominciò a piangere di nuovo mentre restituiva i 150 dollari che il vecchio
    glielo aveva consegnato prima.

    "E con cosa dovresti comprare il pranzo di Natale? Tieni anche quello,"
    George disse: "Ora torna a casa dalla tua famiglia".

    Il giovane si voltò con le lacrime che gli rigavano il viso. "Sarò qui dentro
    la mattina al lavoro, se l'offerta di lavoro è ancora buona."

    "No. Sono chiuso il giorno di Natale," disse George. "Ci vediamo il giorno dopo."

    George si voltò e scoprì che lo sconosciuto era tornato. "Dove sei stato?"
    vieni? Pensavo te ne fossi andato?"

    "Sono stato qui. Sono sempre stato qui", ha detto lo sconosciuto. "Lo dici tu
    non festeggiare il Natale. Perché?"

    "Beh, dopo la morte di mia moglie, non riuscivo proprio a capire quale fosse tutto questo fastidio
    era. Mettere su un albero e tutto sembrava uno spreco di un buon pino. cuocere al forno
    i biscotti che facevo con Martha semplicemente non erano più gli stessi da solo e
    inoltre stavo diventando un po' paffuto."

    Lo sconosciuto mise la mano sulla spalla di George. "Ma tu festeggi il
    vacanza, Giorgio. Mi hai dato da mangiare e da bere e mi hai riscaldato quando avevo freddo
    e affamato. La donna incinta partorirà un figlio e questi diventerà grande
    medico. Il poliziotto che hai aiutato riuscirà a salvare 19 persone dall'esistenza
    ucciso dai terroristi. Il giovane che ha cercato di derubarti ti farà a
    uomo ricco e non prenderne alcuno per sé. Questo è lo spirito della stagione e
    lo mantieni buono come qualsiasi altro uomo."

    George rimase sorpreso da tutto ciò che aveva detto lo sconosciuto. "E come fai a saperlo
    tutto questo?" chiese il vecchio.

    "Credimi, George. Ho la pista privilegiata su questo genere di cose. E quando
    i tuoi giorni sono finiti, sarai di nuovo con Martha."

    Lo sconosciuto si mosse verso la porta "Se vuoi scusarmi, George, devo farlo
    Vai, ora. Devo andare a casa dove c'è una grande festa in programma."

    George osservò la vecchia giacca di pelle e i pantaloni strappati
    lo sconosciuto indossava una veste bianca trasformata. Una luce dorata cominciò a riempirsi
    la stanza.

    "Vedi, George... è il mio compleanno. Buon Natale."

    George cadde in ginocchio e rispose: "Buon compleanno, Signore".

    ~ autore sconosciuto

  • Originale English Traduzione Italiano
    AWWWWWW!! VERY TOUCHING STORY!!!!!

    EVERYONE SHOULD READ IT!!
    AWWWWW!! STORIA MOLTO TOCCANTE!!!!!

    TUTTI DOVREBBERO LEGGERE!!

Feedback dei Membri

Inserisci il tuo commento.

attività lcb nelle ultime 24 ore

Messaggi più Visti del Forum

DeeJay505
DeeJay505 New Mexico 2 mesi fa
10

Registra un nuovo account al casinò Velvet Spins per 120 giri gratuiti senza deposito su Sweet 16 Blast con questo codice: SWEETBLAST Incasso massimo di 100 dollari Sono necessarie 30 volte di...
Casinò Velvet Spins senza deposito

matijan
matijan Serbia 16 giorni fa
136

Ci sono così tanti nuovi casinò che vengono lanciati in questi giorni ed è naturale volerli testare tutti e scoprire se sono buoni. Che ne dici di questi cinque per cominciare? Vota nel sondaggio...
Concorso $500 IN DENARO REALE di aprile 2024: testiamo i casinò!

MelissaN
MelissaN Serbia 20 giorni fa
10

Casinò Eternal Slots : bonus esclusivo senza deposito Solo nuovi giocatori - USA OK! Importo: $77 Come richiedere il bonus: i giocatori devono registrarsi tramite il nostro LINK e inserire il codice...
Bonus esclusivo senza deposito del casinò Eternal Slots